Guarda all’interno del DOP: l’alfabeto fonetico e altro


Raddoppiamenti di vocali e di consonanti

Per ascoltare le pronunzie è necessario attivare il player flash che può essere scaricato gratuitamente cliccando qui.Ascolta la pronunziaAscolta la pronunziaAscolta la pronunziaAscolta la pronunziaAscolta la pronunziaAscolta la pronunzia

il raddoppiamento delle lettere dellalfabeto fonetico non indica la ripetizione del suono ma il suo prolungamento come di norma per le consonanti nellortografia comune italianale vocali lunghe sono rappresentate da due lettere uguali es dubrovnik serbocr d2broovnik ma leventuale accento o apice in funzione daccento e segnato solo sulla prima lettera es biere fr bler goethe ted goote la lunghezza delle vocali e indicata in qualsiasi posizione non e indicata pero in quelle lingue in cui non ha valore distintivo e questo tra laltro il caso dellitaliano in cui per es la di mano e lunga perche tonica e finale di sillaba ma non di parola la di ma e breve perche finale di parola la di manto e breve perche interna alla sillaba la di manette e breve perche atona ciascuna di queste vocali insomma ha quella certa quantita perche in quella certa posizione una quantita diversa non sarebbe possibilele vocali raddoppiate nella pronunzia si distinguono dalle lunghe perche tra le due lettere uguali sinterpone un trattino es pii pi veemente veemnte nella trascrizione di testi poetici in versi non e segnato il trattino tra due vocali uguali quando siano unite in una sola sillaba e invece e segnato tra due vocali anche diverse la dove la metrica impone una dieresile consonanti lunghe altrimenti dette doppie sono rappresentate anchesse da due lettere uguali es scoppio sk0pplo spazio spzzlo striscio strsso la lunghezza delle consonanti e indicata soltanto quando la consonante doppia appartiene per meta a una sillaba e per meta alla successiva non quindi tra laltro al principio o alla fine duna parola isolata non e indicata la lunghezza delle consonanti in quelle lingue in cui non ha valore distintivoil raddoppiamento sintattico ossia il raddoppiamento della consonante iniziale della parola seguente richiesto in italiano da numerose parole terminanti in vocale tra cui tutte quelle la cui vocale finale porta laccento scritto e indicato nelle trascrizioni fonetiche di questo dizionario con la crocetta alla fine della parola che lo richiede se questa e isolata es a a appie appl e col raddoppiamento del segno consonantico se la trascrizione comprende anche la parola seguente es a vinciperdi a vvingiprdi appie della croce appl ddella kr1ge